STREAMING ITA !!! Il Principe cerca figlio (2021)~ # HD F I L M COMPLETO ONLINE (gratis) G U A R D A R E Italiano

CB01→> #Il Principe cerca figlio «Film 2021 ®Completo — Online GRATIS

▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬ஜ۩۞۩ஜ▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬

#STREAMING ░▒▓█►https://il-principe-cerca-figlio.blogspot.com/

▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬ஜ۩۞۩ஜ▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬

Classificazione: PG-13 (Contenuti volgari e sessuali | Lingua | Contenuto della droga)
Genere: commedia
Lingua originale: inglese
Direttore: Craig Brewer
Produttore: Kevin Misher
Scrittore: Kenya Barris
Data di rilascio (streaming): 5 marzo 2021
Durata: 1h 49m

L’ultimo film originale di Amazon Prime punta su un sequel rimosso da decenni che molte persone probabilmente non hanno mai visto arrivare, e Coming 2 America con Eddie Murphy e Arsenio Hall si propone di dimostrare che il regno immaginario di Zamunda è altrettanto degno di essere visitato oggi come era nel 1988. In un seguito sorprendentemente fresco, Coming 2 America, diretto da Craig Brewer (Dolemite Is My Name, Hustle & Flow), abbraccia completamente la nostalgia del suo amato predecessore mentre apre nuove strade con un unico e tempestivo direzione narrativa, anche se inciampa un po ‘lungo la strada.

I membri del cast classico di Coming to America, tra cui Shari Headley, James Earl Jones, John Amos e Paul Bates, riprendono i loro ruoli 33 anni dopo, ei talenti veterani Wesley Snipes, Leslie Jones e Tracy Morgan si uniscono a una sfilza di nuovi arrivati ​​per completare il tutto. le nuove aggiunte al cast.

Sebbene il titolo accenni a rivisitare il motivo del viaggio in America per trovare l’amore del film originale, questa volta Akeem di Eddie Murphy, ora un re, torna nel Queens per recuperare suo figlio Lavelle (Jermaine Fowler) dopo il padre morente (James Earl Jones) lo convince che nessuna delle sue figlie (Kiki Layne, la vera figlia di Murphy, Bella Murphy, e Akiley Love) potrebbe mai governare Zamunda.

In una rilettura piuttosto incredibile di una scena classica di Coming to America, viene rivelato che Akeem ha inconsapevolmente concepito con il personaggio di Leslie Jones, Mary Junson, durante una notte di droga mai vista prima dal suo primo viaggio a New York. Al ritorno nel Queens, Akeem non perde tempo a trovare suo figlio e convince piuttosto rapidamente Lavelle e sua madre a tornare con lui a Zamunda. Pertanto, questa seconda puntata è in gran parte ambientata a Zamunda, un regno che i fan di Coming to America non hanno mai potuto esplorare completamente come fanno qui.

Gran parte del tempo del film viene speso per Lavelle che si abitua al regno africano e cerca di dimostrare di essere un degno erede al trono di Zamundan, ma quando gli spettatori iniziano a conoscere davvero il principe bastardo, si rendono conto che il suo arrivo in America- La trama di questa trama è in qualche modo una distrazione: serve letteralmente come pedina politica di Akeem nel film, ma funge anche da esca e da interruttore per gli sceneggiatori. Il vero tema di Coming 2 America riguarda la progressione e il fare le cose in modo diverso, ma il film segue un percorso traballante per arrivare a quella realizzazione.

Il sequel rimosso da 33 anni è completo di interruzioni musicali imbarazzanti, uno scioccante sottoutilizzo dei personaggi di Teyana Taylor e Rotimi e alcuni tempi di viaggio aerei seriamente irrealistici, ma il principale difetto di Coming 2 America è il trattamento di Meeka di Kiki Layne, la maggiore di Akeem figlia che ha lavorato tutta la vita per guadagnarsi la primogenitura come erede di Zamunda. Piuttosto che la sua eventuale rivendicazione derivante dal film che mostra le sue brillanti abilità, il trono le viene semplicemente dato una volta che l’avventura di Akeem con Lavelle è finalmente risolta. Per un film il cui finale era già prevedibile, Coming 2 America avrebbe potuto fare più lavoro per garantire che il colpo di scena finale fosse importante quanto lo era.

Detto questo, Coming 2 America riesce ancora a prendere piede nel momento in cui scorrono i titoli di coda. Il suo tono generale è sciocco e facile da accettare, con molti momenti umoristici sparsi per tutto il film. Anche se probabilmente non sarà il film più divertente che vedrete quest’anno, il tanto atteso sequel ha ancora un fascino e un tocco stilistico — grazie alla designer di guardaroba e ex allieva di Black Panther Ruth E. Carter — che è uno sforzo soddisfacente. Inoltre, scene come quando Akeem presenta Lavelle alle sue figlie sono troppo ridicole per non divertirsi.

I cameo per cui Venendo in America era noto sono tornati, con Rick Ross (la cui villa la produzione ha effettivamente utilizzato per le riprese), Gladys Knight, Morgan Freeman, Dikembe Mutombo, Michael Blackson, Trevor Noah e molte altre figure ben note che hanno sorpreso apparenze. Coming 2 America fa un cenno nostalgico ad alcuni dei momenti più divertenti dell’uscita originale del 1988 (Randy Watson, in particolare), ma i migliori momenti comici si verificano quando il film offre agli spettatori nuove cose da amare su Zamunda, come il generale Izzi (Wesley Snipes ) e il suo eclettico esercito danzante.

In una delle scene più autocoscienti di Coming 2 America, il personaggio di Fowler parla con il suo barbiere reale e interesse amoroso Mirembe (interpretato dall’attrice sudafricana Nomzamo Mbatha) delle carenze del cinema americano, dicendo: “Cosa abbiamo oltre alla merda dei supereroi, remake e sequel di vecchi film che nessuno ha chiesto? “

Coming 2 America è letteralmente uno di quei sequel, ma per fortuna i suoi difetti non lo impantanano completamente per evitare che sia qualcosa di speciale. In qualche modo, il fascino di esplorare ulteriormente Zamunda, il velo persistente della nostalgia e la tenacia del film di offrire agli spettatori una storia più moderna e avvincente lo rendono un degno, anche se non così eccezionale, seguito dell’originale.

#Il Principe cerca figlio streaming
#Il Principe cerca figlio streaming ita
#Il Principe cerca figlio film online gratis
#Il Principe cerca figlio film gratis
#Il Principe cerca figlio vedere
#Il Principe cerca figlio vedere film
#Il Principe cerca figlio guardare online
#Il Principe cerca figlio guardare online gratis
#Il Principe cerca figlio guardare il film per intero
#Il Principe cerca figlio film streaming gratis
#Il Principe cerca figlio film online gratis
#Il Principe cerca figlio film gratis online

Trentatré anni separano “Coming to America” ​​e il suo sequel “Coming 2 America”, tempo più che sufficiente per chiunque non abbia visto l’originale da un po ‘di tempo per dimenticarsi quasi tutto di esso.

Certo, alcune battute stranamente indimenticabili del film del 1988 rimangono con noi. Eddie Murphy e Arsenio Hall collaborano come co-protagonisti, ma le molte personalità distinte che hanno portato in vita con l’aiuto di protesi a strati, gomme spirituali e parrucche hanno finito per essere la maggior parte dello spettacolo. A volte i volti degli attori erano completamente irriconoscibili sotto tutto quell’aumento di lattice.

Ma la magia del trucco da sola non è sufficiente per realizzare un sequel; inoltre, scommetto che più di noi ricordano di aver riso alla menzione di Sexual Chocolate, contemporaneamente il nome migliore e peggiore di tutti i tempi per una band soul, che il nome del suo cantante interpretato da Murphy. (Sarebbe Randy Watson.)

Per giustificare un ritorno, bisognerebbe espandere le virtù dell’originale e correggere nettamente i suoi errori. “Coming to America” ​​risplende di fascino, motivo per cui molte persone nutrono una passione duratura per questo. Possiamo anche ammettere che un numero di elementi che non è invecchiato bene. I colpi di seno gratuiti per eccellenza degli anni ’80, per esempio. La devozione dei bagnanti reali per pulire il pene reale del principe. Il padre di Akeem, re Jaffe Joffer (James Earl Jones), ammette allegramente di scopare i bagnanti reali. È tutta una cosa, i bagnanti reali, e la loro enfasi esemplifica la sessualizzazione casuale di molte delle donne che vediamo nel film oltre alla protagonista verginale di Shari Headley Lisa McDowell.

Questo è il caso anche se il nobile principe Akeem Joffer di Murphy, erede al trono di Zamunda, ha visioni decisamente progressiste rispetto a suo padre. Akeem dichiara di volere una moglie che metta alla prova il suo intelletto e che agiti i suoi lombi, un coniuge alla pari. Jaffe fa in modo che suo figlio sposi la figlia del generale di un regno adiacente che è stato allevato dalla nascita per essere patologicamente conforme. Akeem le ordina di saltare su e giù su un piede e di abbaiare, e quella è l’ultima cosa che vediamo di lei.

“Coming 2 America” ​​non scappa da tutto questo. Invece evolve le battute che hanno funzionato più di tre decenni fa per creare una storia che onora il suo predecessore mentre le ripropone con una commedia moderna e più equa che spinge tradizioni patriarcali obsolete, sia a Zamunda che in America.

Mentre la storia riprende, il principe Akeem è sul punto di ascendere alla sua regalità e con Lisa e le sue tre figlie, le principesse Omma (Bella Murphy), Tinashe (Akiley Love) e Meeka (KiKi Layne), al suo fianco. Tutte giovani donne forti, intelligenti, rispettate e belle. Meeka, essendo la maggiore, si è allenata per essere regina per tutta la vita anche se il padre di Akeem gli ricorda che il trono può passare solo a un erede maschio.

Con Re Jaffe sul letto di morte, il governo di Akeem è minacciato dal generale Izzi (Wesley Snipes, martellando fino a livelli che non si vedono da tempo), il vendicativo fratello della fidanzata Akeem lasciato indietro e in uno stato di disagio. Izzi, il dittatore al potere sulla nazione adiacente di Nextdoria — sul serio — è ansioso di deporre Akeem e sequestrare le ricchezze di Zamunda per la sua stessa nazione.

Akeem sarebbe in difficoltà se non fosse per una svolta chirurgica impiantata nella storia grazie agli effetti speciali magici che riportano indietro gli anni sui volti di Murphy e Hall. Il problema è che grazie alla cornea Semmi (Hall), la migliore amica di Akeem, il reale ha avuto un intermezzo sessuale mentre era svenuto risultando in un figlio che non ha mai incontrato: Lavelle (Jermaine Fowler), che ora ha 31 anni e vive con sua madre Mary (Leslie Jones) e lo zio (Tracy Morgan) nel Queens.

Lo stile di recitazione di Murphy è maturato, come la gente ha visto con il suo lavoro in “Dolemite Is My Name”, così come la sua interpretazione di Akeem. C’è molto poco della clownerie giovanile in questa iterazione del suo reale, che lascia più spazio agli altri giocatori per occupare spazio.

Espandendo i suoi ranghi per presentare attori comici più famosi con grandi personalità “Coming 2 America” ​​amplia il suo arazzo di scherzi oltre tutto ciò che Hall e Murphy servono, e questo rende le installazioni più spigolose e più abbondanti. Jones interpreta magnificamente Morgan e Luenell, un altro membro della famiglia Queens di Lavelle, ma dà anche a Lisa di Headley la possibilità di divertirsi di più questa volta e di liberarsi dai vincoli comportamentali che le sono stati imposti nel primo film.

E questa energia rivitalizzata non risiede solo nel palazzo — narrare l’instabilità politica creata dal dramma della successione reale è un’ancora di notizie via cavo interpretata da, chi altro, Trevor Noah.

Questo è un sequel decisamente post- “Black Is King”, post- “Black Panther” attento ai dettagli e ai richiami senza esserne obbligato al punto di rimescolare vecchie battute e riprendere i ruoli precedenti in un modo che controlla le caselle fuori da un elenco .

Si stanno anche divertendo a costruire la storia di questa immaginaria nazione africana e collegarla in modo convincente al mondo reale, garantendo che le risate provengano da un luogo reale e solido.

Invece di ridisegnare vecchie gag che non si adattano alla sensibilità moderna o peggio, sforzandosi di riconquistare la gloria passata, “Coming 2 America” si muove con sicurezza ai ritmi comici di dove siamo ora. E a causa della sua volontà di trasformarlo, è un film più intelligente, più divertente e in definitiva più dolce della leggenda che lo ha generato.

È difficile credere che siano passati 33 anni da quando Eddie Murphy ha interpretato uno dei suoi personaggi più accattivanti, il principe Akeem di Zamunda, nella commedia di successo del 1988, Coming to America. Perché ci sia voluto così tanto per un sequel non sono sicuro, ma posso dire dopo aver visto Coming 2 America che hanno eguagliato il primo non solo per le risate ma anche per il cuore e per il puro divertimento.

La premessa che riporta indietro Murphy e il suo amico Arsenio Hall, portandoli da Zamunda al Queens e di nuovo indietro, è naturale che incorpora perfettamente il periodo di oltre tre decadi dall’ultima volta che li abbiamo incontrati. Il principe di Murphy sta per diventare re Akeem con la morte imminente di re Joffer (James Earl Jones, tornando nel suo ruolo originale), ma non prima che si venga a sapere improvvisamente che Akeem ha un figlio bastardo di 30 anni da una notte incontro con la piccola mamma Mary (una ribelle Leslie Jones) durante l’ultima favolosa visita in America, quando ha incontrato il suo vero amore, ora la regina Lisa (Shari Headley). Con tre figlie con Lisa, la maggiore Meeka (Kiki Layne) era legittimamente erede, ma ora nei suoi momenti di morte, il re Joffer dice che il primogenito maschio sarebbe quello che salirà al trono.

Entra Lavelle Junson (Jermaine Fowler), e il motivo per cui re Akeem e il suo fedele aiutante Semmi (Hall) tornano nel Queens: per portare l’aspirante principe a Zamunda per fare un test per ottenere il titolo reale. Insistendo per portare con sé la mamma Mary, i due sono improvvisamente pesci fuor d’acqua nell’ambiente regale dei loro nuovi legami con la famiglia reale — e ci sono alcune cose molto divertenti al riguardo, in particolare con Jones, che ruba ogni scena in cui si trova. sono complicate dalla rivalità del dittatore del paese vicino, il generale Izzy (Wesley Snipes) di Nexdoria, che aveva chiesto che Meeka fosse sposata con suo figlio per riunire le famiglie e avere un assaggio del potere. Ma con Lavelle che lo mette in discussione, ora porta la figlia Bopoto (Teyana Taylor) nella foto come aspirante moglie di un principe Lavelle. Il problema è che Lavelle si sta innamorando del suo parrucchiere Zamundian nominato Mirembe (Noomzamo Mbatha in una dolce svolta), una donna con una mente tutta sua. Tutto questo è intrecciato bene dentro e fuori dagli sceneggiatori Barry Blaustein e David Sheffield e Kenya Barris, insieme al regista Craig Brewer, che continua a canticchiare tutto con un ritmo comico veloce senza mai esagerare o soffrire di sequelitis.

E state tranquilli, le molte diverse sembianze di quei personaggi da barbiere sono tornate, con Murphy che assume nuovamente Clarence e Saul e Hall che assume Morris. Hall riprende anche il suo famigerato Rev Brown, e ovviamente Murphy fa di nuovo un musical molto divertente con Randy Watson e “Sexual Chocolate”. I membri del cast originale stanno ottenendo brevi ritorni da John Amos nei panni di Cleo McDowell, ora proprietaria degli hamburger di McDowell (ovviamente un clone di McDonald’s), e del suo dipendente Maurice (Louie Anderson), ora promosso.

Ci sono molti altri volti familiari, insieme a nuovi. Fowler è un’ottima scelta per interpretare Lavelle, Tracy Morgan si fa una risata unendosi al cast e persino la figlia di Murphy, Bella Murphy, si unisce ai lavori nei panni di Omma, seconda figlia di Re Akeem. Snipes, come Jones, sono dei ladri di scena totali, ma alla fine tutto questo appartiene a Murphy e Hall, ed è fantastico riaverli alla corte reale, che porta la gradita diversità alla corona. Questo è un bel momento al cinema.

Kevin Misher è il produttore. La Paramount ha realizzato il film ma lo ha consegnato ad Amazon a causa della pandemia, e inizierà lo streaming venerdì. Guarda la mia recensione video con scene del film al link sopra.